World map Italiano

Rispondendo alle Sfide delle Applicazioni ad Alta Quota

Rispondendo alle Sfide delle Applicazioni ad Alta Quota
By David Rakovsky, Direttore operativo

Non tutte le sfide termiche coinvolgono ambienti caldi od umidi, come abbiamo scoperto nel fornire una soluzione di alimentazione per un’applicazione RFID. In questo caso il produttore era preoccupato dai problemi correlati al funzionamento ad alta quota, relativi all’industria delle spedizioni aeree. Molti non realizzano che l’interno di un aeroplano, benché pressurizzato, ha in realtà un’altitudine equivalente della cabina di 7000 piedi (~2100 metri).

Le sfide di queste altitudini sono rappresentate da danni ai condensatori o errori sft, ma questi sono problemi solitamente riservati ai progettisti aereonautici. Ad ogni modo ci sono molti dispositivi elettronici che operano in un aereo senza essere stati progettati per questo ambiente. Tablet, laptop e lettori musicali sono normalmente utilizzati in simili situazioni nonostante la pressione dell’aria non sia stata nemmeno presa in considerazione durante la progettazione. Come apparecchi consumer, l’inoperatività a determinate quote è una scocciatura, ma nel caso dell’elettronica usata a fini commerciali ciò può rappresentare un vero problema ed una perdita economica.

La tecnologia RFID ha aiutato enormemente la logistica ed i benefici del tracking intelligente dei pacchi hanno rivoluzionato la gestione della supply chain. È la natura di onnipresenza dei sistemi RFID che crea i problemi operativi ambientali; come il dover lavorare con le basse pressioni presenti durante il trasporto aereo. In questo caso il problema era rappresentato dalla gestione termica dell’alimentatore da noi fornito.

L’aspetto importante di questa situazione era rappresentato della gestione termica dell’alimentatore in presenza di aria rarefatta come nella stiva di un aereo cargo. L’aria meno densa ha anche una minore capacità di trasmettere e dissipare il calore, creando potenziali problemi per apparecchi con raffreddamenti progettati per funzionare al livello del mare. GlobTek rispose alle esigenze del cliente assicurandosi che il sistema di raffreddamento possa funzionare ad altitudini fino a 9500 piedi (2950 metri). L’alimentatore è stato testato in quota per assicurarsi che raggiungesse i requisiti del cliente.

high altitude power supply Oltre alle sue prestazioni in quota, l’alimentatore GT-41083-4024-T2 accetta entrate universali ed è disponibile in varie versioni con un uscita (per questa applicazione) a 24Vdc. Caratteristiche addizionali: uscita regolata del carico di ±5%, oscillazioni in uscita ±1% e protezione da sovratensione e corti circuito. Oltre alle compensazioni termiche per l’altitudine vennero effettuati altri cambiamenti per questa specifica applicazione.

La cosa importante da ricordare è che gli ambienti ostili possono presentarsi in occasioni inaspettate e che i progettisti di sistemi elettronici che subiscono molti spostamenti devono tenere particolarmente a mente tutto ciò dato che ogni sfaccettatura dell’ambiente all’interno del quale si opera può compromettere le performance dell’apparecchio.

Tagged:
Richiesta informazioni